Cerimonia per 76° anniversario della costituzione Specialità Carristi

Pordenone 18 ottobre 2003

Una giornata di splendido sole ha accolto i membri della 132^ Brigata Corazzata ARIETE, i carristi in congedo ed i numerosi ospiti che sabato 18 ottobre si sono ritrovati presso l'area addestrativa della Comina nelle vicinanze di Pordenone per festeggiare tutti insieme il 76° anniversario della Specialità Carrista la cui creazione risale al 1 ottobre 1927. Inoltre l'area della Comina è importante per la storia della Brigata ARIETE perché qui avvenne la consegna delle Bandiere di Guerra ai reparti della ricostituita Brigata il 25 luglio 1949.

La manifestazione, ha vissuto il suo momento principale con la cerimonia militare che ha visto schierati sul terreno un reggimento di formazione costituito da tutti i reparti della Brigata e più precisamente:

- 32° Reggimento Carri
- 132° Reggimento Carri
- 132° Reggimento Artiglieria "Ariete"
- 3° Reggimento Bersaglieri
- 11° Reggimento Bersaglieri
- 10° Reggimento Guastatori

Il 4° Reggimento Carri non era rappresentato in quanto attualmente impiegato in Kosovo all'interno della missione multinazionale KFOR.

Il programma si è svolto secondo le collaudate modalità di questi eventi:

- Schieramento reparti
- Onori ai gonfaloni e Labari
- Onori allo Stendardo del 32° Reggimento Carri
- Onori alla massima autorità e rassegna
- Allocuzione del Comandante dell'Ariete (cedente)
- Allocuzione del Comandante dell'Ariete (subentrante)
- Allocuzione della massima autorità
- Ammassamento dei reparti
- Sfilamento
- "Muro d'acciaio"
- Onori finali

Durante la cerimonia è inoltre avvenuto l'avvicendamento del comandante tra il Brig. Gen. La Valle (cedente) e Brig. Gen. Chiarini (subentrante) il cui discorso è riportato di seguito.

ORDINE DEL GIORNO N. 1

Ufficiali, Sottufficiali, Volontari e Carabinieri della Brigata ARIETE.
Nell'assumere il comando di questa gloriosa Grande Unità porgo innanzitutto il mio deferente omaggio agli Stendardi ed alle Bandiere di Guerra dei reparti dipendenti che rappresentano quanti sono caduti nell'assolvimento del proprio dovere.

Sono pienamente consapevole dell'onore e del privilegio che lo Stato Maggiore dell'Esercito mi ha voluto concedere nell'assegnarmi un incarico così prestigioso e farò in modo di assolverlo al meglio delle mie capacità.

In un momento così solenne, che per me rappresenta il culmine di una carriera svolta nella specialità carrista, voglio innanzi tutto ricordare tutti coloro che nel passato hanno servito in questa Brigata con dignità ed onore, contribuendo a rendere grande il nome dell'Ariete, unitamente a tutti i nostri colleghi che sono oggi impegnati a servire con altrettanta dignità ed onore nel teatro balcanico.

L'Ariete ha un nome leggendario, conosciuto ed apprezzato sia in Italia che presso gli alleati, e tale stima e rispetto si basano sulla dedizione e professionalità con cui i componenti della Brigata hanno sempre saputo affrontare le varie sfide che si sono succedute nel tempo.

Altri impegni internazionali ci attendono in un futuro ormai prossimo ma sono convinto che ciascuno saprà dimostrare anche in quei contesti la capacità e le qualità che hanno reso grande il nome dell'Ariete.
Proprio in considerazione dell'importanza che annetto a questi impegni, ritengo che sia nostro dovere di militari e di professionisti devolvere ogni risorsa disponibile all'addestramento, in ogni sua forma, sia individuale sia collettivo affinché possiamo trovarci preparati ad assolvere nel migliore dei modi ogni missione che ci possa essere assegnata, continuando così a tenere alto il nome della Brigata e dell'Esercito Italiano.

Un altro aspetto al quale annetto particolare importanza è l'iniziativa. Mi attendo che ciascuno di Voi, ad ogni livello e soprattutto in assenza di ordini, agisca sempre di iniziativa per perseguire gli obiettivi che gli sono stati indicati dai propri comandanti, evitando inutili isteresi.

Tale atteggiamento farà sì che la nostra organizzazione possa essere veramente efficiente nel servizio al paese.

Nel concludere, desidero ricordare un episodio che appartiene alla storia della Brigata. Nelle ultime fasi della battaglia di El Alamein, uno degli ultimi messaggi dell'Ariete riportava:"... siamo rimasti con soli tre carri, contrattacchiamo!". Queste laconiche parole racchiudono tutto lo spirito dell'Unità, che sono sicuro di ritrovare in ciascuno di Voi e che significa che non vi sono mai ostacoli troppo difficili per gente forte, determinata e serena.

Significa che quando tutto si fa difficile, non abbiamo bisogno di punti di riferimento, noi siamo il riferimento; non c'è bisogno di farci coraggio, noi infondiamo coraggio.

E se intorno a noi tutto vacilla, ora come allora... ...l' Ariete Combatte!

Viva l'Ariete, Viva l'Esercito

Lo schieramento, inizialmente sotto il comando del Ten. Col. (cr.) Palumbo (comandante il 3° Battaglione Carri "M.O. Galas"/32° Reggimento Carri) è stato poi guidato dal Comandante stesso del 32° Reggimento, Col. c. (cr.) Vito Muscella.

I reparti presenti erano montati su i vari mezzi cingolati in dotazione alla Brigata e più precisamente: MBT ARIETE, semovente M109L, VCC1, VCC2, M106.

comina01.jpg (50440 byte) comina03.jpg (53659 byte) comina02.jpg (60166 byte)

 

Schieramento dei reparti, al centro i Carristi

comina06.jpg (56103 byte)

 

Lo stendardo del 32° Reggimento Carri prende posto nello schieramento, a fianco il Comandante del  3° Battaglione Carri "M.O. Galas", Ten. Col. (cr.) Palumbo ed il suo equipaggio

comina07.jpg (59550 byte)

04.jpg (61652 byte)

 

Il Comandante delle Forze Terrestri Ten. Gen. Antonio Quintana , il Comandante del 1° FOD Ten. Gen. Gaetano Romeo , il Comandante della Brigata ARIETE Brig. Gen. Chiarini, dopo aver salutato lo stendardo del 32° Reggimento Carri,  passano in rivista le truppe schierate

03.jpg (56828 byte) 05.jpg (60100 byte)

Icomina05.jpg (73173 byte)

 

06.jpg (60204 byte)

MONTATE!

comina08.jpg (63055 byte)

MOTORI!

 

Sfilamento dei Reparti presenti

comina11.jpg (59972 byte) comina12.jpg (67670 byte) comina13.jpg (52572 byte)
comina14.jpg (47154 byte) comina15.jpg (51581 byte) comina09.jpg (54132 byte)

 

comina10.jpg (59960 byte)

Il carro comando dell'8° Battaglione Carri "M.O. Secchiaroli" inquadrato nel 132° Reggimento Carri di Cordenòns (PN)

 

Come tradizione la manifestazione è conclusa dal "muro d'acciaio"

comina25.jpg (29759 byte) 07.jpg (62436 byte) 08.jpg (66286 byte)
09.jpg (67240 byte) 10.jpg (58445 byte) 12.jpg (66170 byte)
13.jpg (64689 byte)        14.jpg (62628 byte)

 

Alcune immagini dei carri ARIETE presenti alla manifestazione.

comina17.jpg (59582 byte) comina16.jpg (60882 byte) comina21.jpg (73767 byte)
comina22.jpg (85568 byte) comina26.jpg (74041 byte) 15.jpg (64384 byte)
16.jpg (53057 byte) 17.jpg (64081 byte) 11.jpg (74539 byte)

 

In occasione della Festa del 32° Reggimento Carri avvenuta l'8 marzo 2003, ai 13 carri della 3^ Compagnia Carri "Beda Fomm" del 3° Battaglione Carri "M.O. Galas" sono stati attribuiti i nomi degli altrettanti Cavalieri protagonisti della storica "Disfida di Barletta" della quale quest'anno ricorre il 500° Anniversario.

comina19.jpg (77507 byte)

comina18.jpg (61272 byte)

comina20.jpg (35764 byte)

 

I carri del 132° Reggimento Carri portano il simbolo della Brigata a lato della torretta così come il distintivo di compagnia.

comina23.jpg (138551 byte)

18.jpg (73063 byte)