4° Reggimento Carri

Breve storia del Reparto

Informazioni tratte dal volume "L'Esercito Italiano verso il 2000" a cura del Gen. Dell'Uomo e del Gen.  Puletti, edizioni Ufficio Storico Stato Maggiore Esercito

Lo Stemma del Reggimento

Lo stemma del 4° Reggimento Carri

Motto: TRAVOLGO

Festa: 21 gennaio - anniversario del fatto d'arme di Tobruk (1941)

Sede: Bellinzago Novarese (NO) - Caserma "Babini".

Origini e vicende organiche

Il 4° Reggimento Fanteria Carrista si costituisce a Roma il l° settembre 1936 con il II Battaglione cr. di rottura "Alessi" (poi denominato carri Medi) e VIII Battaglione cr. d'assalto "Bettoia" (poi denominato carri Leggeri) entrambi dislocati nella Capitale; IX Battaglione "Guadagni" di nuova formazione, a Bari; X Battaglione "Menzinger" di nuova formazione, ad Agnano prima e poi a Caserta; XII Battaglione "Cangialosi" di nuova formazione, a Palermo. Entra, temporaneamente, nella nuova unità anche il V Battaglione "Suarez" rientrato dalla Cirenaica. Il 15 luglio 1937 il Il Battaglione è assegnato al 31° Reggimento f. cr. Nel 1937 vengono costituiti i battaglioni cr. L: XX (il 5 giugno) e XXI (il l° ottobre) inviati in ottobre in Africa Settentrionale. Un movimento di unità avviene ancora il 30 novembre 1938 allorché il V Battaglione cr. M passa al 32° Reggimento f. cr. e la compagnia cr. L della Sardegna è posta alle dipendenze del 4° Reggimento. Il 30 marzo 1939 i battaglioni VIII e X sono trasferiti in Albania, ove sono inquadrati nel mese di maggio nel 31° Reggimento f. cr., e sostituiti dapprima dall'VIII Battaglione bis e dal distaccamento del X Battaglione, assorbiti poi il l° maggio successivo rispettivamente dal CCCXI e CCCXII Battaglione cr. M giunti dal 31°. Nel corso dello stesso 1939 il IX Battaglione cr. L è trasferito al XXII C.A. in Cirenaica. Nel 1940 il Battaglione cr. della Sardegna diviene XIII Battaglione cr. L, il 30 marzo il CCCXII Battaglione passa alle dipendenze del Deposito Misto Truppe dell'Egeo ed ivi è trasferito nel mese di settembre, il l° aprile il CCCXI btg. viene soppresso per costituire l'VIII Battaglione cr. L. L'11 giugno 1940 il comando del 4° Reggimento f. cr. e la cp. comando reggimentale, mobilitati, sono inviati in Africa Settentrionale ove incorporano i battaglioni I e Il cr. M 11/39 già del 32° Reggimento f. cr.; nel corso delle operazioni il Reggimento ha alle proprie dipendenze anche il LXIII Battaglione cr. L. Dal 7 luglio il reparto alla sede assume la denominazione di "Comando Truppe al Deposito 4° Reggimento Carrista". Il 25 gennaio 1941, durante la difesa di Tobruck e dopo che i suoi carri, privi di carburante, sono trasformati in centri di fuoco fissi, il Reggimento merita la massima ricompensa al V.M. alla Bandiera venendo subito dopo sciolto. Durante questa battaglia per evitare che la Bandiera di Guerra venga catturata dal nemico, si decide di bruciarla. Pochi suoi frammenti vengono conservati da alcuni membri del reparto ed ora sono gelosamente custoditi presso la sede del Reggimento.

LE RICOMPENSE ALLA BANDIERA DEL 4° REGGIMENTO CARRI

LE MEDAGLIE D'ORO DEI VALOROSI CARRISTI DEL 4° REGGIMENTO CARRI

Sergente Umberto DIANDA: Africa Settentrionale, 19 novembre 1940

Sottotenente Vincenzo FIORITTO: Roma, l0 settembre 1943

Tenente Marcello FLORIANI: Africa Settentrionale, gennaio 1941

Tenente Giuseppe LOCATELLI: Africa Settentrionale, 19 novembre 1940

Sergente Maggiore Pietro MITTICA: Africa Settentrionale, gennaio 1941

Sottotenente Leo TODESCHINI: Africa Settentrionale, 19 novembre 1940

Il comando del 4° Reggimento Fanteria Carrista è ricostituito il 15 marzo 1941 per trasformazione del Comando Truppe al Deposito e le unità da questo dipendenti, dal successivo 15 aprile divengono:

- I e II Battaglione cr. R35 (già 18 e 28 cp. del I Battaglione reclute), trasformati poi in CI e CII Battaglione cr. R35 e trasferiti nel luglio 1941 al costituendo 131° Reggimento f. cr.;
- III Battaglione cr. R35 (già 38 cp. del I Battaglione reclute), trasformato poi in III Battaglione reclute;
- IV Battaglione cr. R35 (già 48 cp. del I Battaglione reclute), confluito poi nel CC Battaglione cr. SOMUA e trasferito nel luglio 1941 al costituendo 131° Reggimento f. cr.;
- V Battaglione cr. R35 (già 78 e 88 cp. del II Battaglione reclute) confluito anch'esso nel CC Battaglione cr. SOMUA;
- VI Battaglione cr. R35 (già 58 e 68 cp. del II Battaglione reclute) trasformato poi per riformare l'VIII Battaglione cr. L; questi sciolto il 1° febbraio 1942 darà vita con il proprio personale al XVII Battaglione cr. M13/40 destinato prima al 33° Reggimento ma trasferito poi al 31°.

Il 30 aprile 1941 l' VIII Battaglione cr. L (costituito l'anno precedente) è trasformato in XI Battaglione cr. M 13/40, avviato nel giugno in A.S. presso la Divisione "Ariete" e confluisce poi nell'ottobre dello stesso anno nel 133° Reggimento cr. della Divisione "Littorio". Il 17 maggio 1941 il comando di Reggimento si imbarca per l'Africa Settentrionale ma non raggiunge la zona d'impiego per il siluramento della nave che effettua il trasporto. Formato ancora presso il deposito, il comando del 4° Reggimento f. cr. prosegue la propria attività incentrata essenzialmente sull'addestramento di nuove unità. Nel dicembre 1941 il deposito appronta il III Battaglione cr. Lf (lanciafiamme) inizialmente su due compagnie, successivamente su tre.

Nel 1942 il deposito reggimentale:
- il l° febbraio costituisce il XVII Battaglione cr. M, assegnato poi nell' agosto al 310 Reggimento f. cr.;
- il 15 marzo forma il 50° autogruppo che confluisce in ottobre nel Battaglione addestramento carri M e autoveicoli speciali;
- trasferisce il15 ottobre la cp. contraerei da 20 mm al 330 Reggimento f. cr. e costituisce il Battaglione addestramento carri M e autoveicoli speciali.

Nel luglio 1943 viene costituito anche un "Reparto Autocorazzato per Comando Gruppo Armate Sud" ed il l° settembre inizia la formazione del II Battaglione cr. P dotato di nuovissimi materiali P40 con cannoni da 75/34. Dopo 1'8 settembre 1943, in seguito agli avvenimenti determinati dall'armistizio, il 4° Reggimento che si trova a Roma viene disciolto.

Il1° gennaio 1953 il comando del 4° Reggimento Carristi è ricostituito in Roma ed assegnato alla Divisione corazzata "Pozzuolo del Friuli" formata alla stessa data. Nel mese successivo inquadra i battaglioni cr. I, II (l° febbraio) e III (15 febbraio) tutti di nuova formazione. Nel 1958 riceve, a fine aprile, dal 1° Reggimento bersaglieri il VII Battaglione bersaglieri. che cambia subito numerico in IX Battaglione Bersaglieri ed il l maggio, mutati i compiti operativi, l'unità diviene 4° Reggimento Fanteria Corazzato, cede il I ed il III Battaglione cr. al 1° Reggimento Bersaglieri, rimane costituito da: comando e compagnia comando di Reggimento, XX Battaglione cr. (già 11/40), IX Battaglione Bersaglieri ed entra a far parte della Divisione "Legnano" prendendo sede in Legnano. Dal 24 maggio 1961 il IX Battaglione Bersaglieri assume il numerico di II Battaglione Bersaglieri. A seguito della ristrutturazione dell'Esercito, il 29 ottobre 1975 il 4° corazzato viene sciolto; le tradizioni reggimentali sono affidate al XX Battaglione cr. che dal 30 ottobre diviene autonomo e prende il nome di 20° Battaglione Carri "M.O. PentimaIli"; alla nuova unità formata su comando, compagnia comando e servizi, tre compagnie carri, con decreto 12 novembre 1976 viene assegnata la Bandiera del 4° Reggimento. Il Battaglione viene a sua volta soppresso il 30 gennaio 1991 mentre la Bandiera viene affidata al Vittoriano in Roma che la custodirà fino al 18 settembre 1992, data alla quale il 4° Reggimento viene ricostituito in Ozzano Emilia.
Nell'ambito del riordinamento della Forza Armata, il l° settembre 1993 viene ricostituito in Civitavecchia (Roma) il 4° Reggimento Carri nel quale è inquadrato il 6° Battaglione cr. "M.O. Scapuzzi" (il 4° Reggimento cr. di Ozzano Emilia, formato il 18 settembre 1992, in ambito Brigata mec."Friuli", nello stesso giorno è trasformato in 33° Reggimento cr.). Il 9 ottobre 1995 il Reggimento viene trasferito nell'attuale sede di Bellinzago Novarese dove entra a far parte della Brigata Meccanizzata "Centauro".
Il 3 ottobre 1999, nel quadro del passaggio della Specialità Carrista dall'arma della Fanteria a quella della Cavalleria, la Bandiera di Guerra viene sostituita dallo Stendardo.
Dal 1° gennaio 2002 il Reggimento, a seguito dello scioglimento della Brigata "Centauro", è inquadrato nella 132^ Brigata Corazzata "Ariete".