Ho ricevuto dal C.M. Bers. Romano Innocenti queste immagini che ritraggono alcuni veicoli provenienti dai surplus dell'US Army e consegnati all'Esercito Italiano all'inizio degli anni '50 per la ricostruzione dei reparti corazzati e blindati dopo l'adesione della nostra Nazione alla NATO. Esse ritraggono principalmente il carro armato leggero M24 Chaffee ai comandi dei quale Romano ha svolto parte del suo servizio in armi.

rom_01.JPG (20895 byte)

Il C.M. Innocenti era inquadrato nel Plotone Ricognitori Caccia Carri del 1° Reggimento Bersaglieri (ricostituito il 1 gennaio 1953 a Roma inquadrando il I Battaglione, già in vita sin dal 1 aprile 1951 come unità autonoma, ed il VII Battaglione. Il Reggimento viene assegnato alla Divisione Corazzata "Pozzuolo del Friuli". Motto: "Ictu impetuque semper") con sede in Civitavecchia ed utilizzato principalmente come plotone dimostrativo tattico in quanto, essendo il reparto di nuova costituzione, esso veniva continuamente spostato per compiere varie manovre in abbinamento con altri reparti in modo da far acquisire ai propri membri una valida preparazione per l'azione. A questo compito contribuiva la dotazione del reparto costituita da tre carri M24, tre vetture fuoristrada AR55 ed alcune motociclette che formavano un gruppo dotato di buone capacità di manovra. In particolare il carro M24, grazie alle sue doti di velocità e maneggevolezza, si dimostrò particolarmente adatto alla tattica adottata dal reparto che richiedeva continui movimenti nell'area d'attacco.
Il dispiegamento del reparto nella zona di combattimento vedeva i fuoristrada operare in avanscoperta con un equipaggio costituito da tre assaltatori armati di fucile automatico BAR (Browning Automatic Rifle) e dall'autista che poteva anche operare come servente ad un eventuale cannone senza rinculo montato sulle vetture. Una volta individuato il bersaglio la sua posizione veniva trasmessa ai carri che potevano così intervenire. La trasmissione, inizialmente effettuata via radio, venne poi effettuata tramite il telefono esterno di cui ogni carro era dotato. Nel caso la formazione di carri da attaccare fosse stata eccessivamente grande per le forze del plotone era previsto venisse richiesto l'intervento dell'aviazione.

Ringrazio il C.M. Innocenti per la sua collaborazione al sito con queste interessanti immagini.

m24_01.JPG (40000 byte)

m24_04.JPG (16345 byte) Gli equipaggi davanti ai loro carri prima della Grandi Manovre che videro coinvolte il nuovo Plotone C.C.
m24_02.JPG (27672 byte) Il C.M. Bers. Romano Innocenti al posto di pilotaggio di un carro M24 Chaffee in dotazione al suo reparto e fotografato a Civitavecchia durante una fase dell'addestramento. Nonostante il particolare e continuo impiego dei carri causasse un notevole affaticamento degli equipaggi, la maggior parte di essi era soddisfatta di saper di aver compiuto il proprio dovere.
Si noti che il carro è dotato dei cingoli T72 da 16 pollici in acciaio impiegati fin dalla consegna dei primi carri ai reparti americani operanti in Europa negli ultimi mesi di guerra. Saranno in seguito sostituiti dal modello T85E1 da 14 pollici dotato di maglia in gomma e più adatto al movimento su rotabili senza causare eccessivi danni al manto stradale.
m24_03.JPG (23888 byte) A bordo di un carro M24 il C.M. Innocenti (indicato dalla freccia) ed il suo commilitone Bolzoni.
m24_05.JPG (18842 byte) Un carro M24 in movimento fuoristrada..
m24_001.JPG (63466 byte) m24_002.JPG (56592 byte) Manutenzione su di un M24, alla guida Bini.
m24_004.JPG (32929 byte) m24_013.JPG (57243 byte) Pausa durante le esercitazioni.
m24_005.JPG (33356 byte) m24_003.JPG (59776 byte) Alla guida il Bers. Bolzoni.
m24_007.JPG (52547 byte) m24_008.JPG (58776 byte) Due immagini con la mascotte del reparto.
m24_010.JPG (37135 byte) Campo estivo a Monteromano.
m24_011.JPG (28962 byte) Foto di gruppo su di un carro M26.
m24_012.JPG (24590 byte)

m24_014.JPG (48164 byte)

m24_006.JPG (36497 byte) Esercitazione a Persano
m26_01.JPG (11051 byte) Il C.M. Innocenti seduto sulla canna di un carro medio M26 Pershing che venne fornito all'Esercito Italiano nello stesso periodo dell'M24 per equipaggiare i reparti carri italiani in attesa dell'arrivo del carro M47.
m3_01.JPG (12042 byte) Un semicingolato M3
m8_01.JPG (12471 byte)

m24_009.JPG (40422 byte)

Due autoblindo M8 Greyhound che all'epoca erano solitamente in dotazione ai reparti esploranti dei Reggimenti. Nella foto a destra alla guida il Bers. Bolzoni, in torretta Bini e sull'anello Bolis (purtroppo non più tra noi).
moto.jpg (26788 byte) In moto accanto ad una delle rimesse dei veicoli in dotazione al reparto.