Queste immagini state inviate a "Ferra Mole" da Alberto C. tramite il cortese interessamento di Stefano F. di Verona. Alberto ha prestato servizio nel 1980 come servente a bordo di un Leopard presso il 1° Squadrone dei "Lancieri di Novara" a Codroipo (UD).  Oltre alle foto che lo vedono a bordo del suo carro, Alberto ha voluto gentilmente inviare due immagini che testimoniano un grave incidente occorso ad uno dei veicoli del suo reparto e solo casualmente non tramutatosi in tragedia. Ringrazio sentitamente Alberto per la sua collaborazione al sito con queste interessanti immagini che costituiscono un contributo veramente unico a "Ferrea Mole".

leopard 1.jpg (50623 byte)

Alberto a bordo del suo Leopard.

leopard 2.jpg (68819 byte)
guado1.jpg (51735 byte)

Queste due foto documentano un gravissimo incidente occorso ad un altro carro del reparto durante un'esercitazione sul poligono del Cellina Meduna. Dovendo guadare il fiume e preso dalla concitazione dell'evento, l'equipaggio, fresco di addestramento basico, dimenticò di gonfiare la guarnizione che sigilla la giunzione torretta/scafo. Tra parentesi l' operazione era peraltro tutt'altro che sicura: infatti si doveva azionare dalla torretta una leva posta all'interno dello scafo, infilando il braccio attraverso la struttura "a cesto" solidale con la torretta e che costituisce il pavimento della stessa. Se in quel momento qualcuno l'avesse posta in rotazione, il malcapitato all'opera avrebbe rischiato l'amputazione del braccio. Fatto sta che a causa della grave dimenticanza, subito dopo essere entrati in acqua questa iniziò a penetrare nel carro e, come se non bastasse, salendo di livello fu aspirata dal motore che immediatamente si spense bloccando il carro che, spinto a sua volta dalla corrente, si inclinò repentinamente su un fianco. Il dramma fu però che il pilota rimase intrappolato al suo posto non riuscendo ad uscire attraverso i portelli della torretta e tantomeno per il proprio. Disperatamente, tenendosi l'un l'altro, i membri dell'equipaggio già in salvo riuscirono ad aprirgli il portello ed a tirarlo fuori risolvendo fortunatamente il tutto con qualche colpo di tosse per l'acqua bevuta. Il carro fu più tardi recuperato da un Bergeleopard. Le foto, scattate da un commilitone subito dopo la scampata tragedia con una macchinetta tascabile, ritraggono lo sbadato equipaggio e, sulla destra con l'espressione tramortita, il pilota "miracolato".
A commento di queste interessanti immagini aggiungo che gli incidenti in fase di guado con il carro immerso oltre la sommità dello scafo non sono per niente infrequenti e dovuti quasi sempre alla scarsa esperienza degli equipaggi. Un capocarro che prestò servizio sugli M26 Pershing negli anni '50 mi ha raccontato che con questi veicoli l'operazione era ancora più rischiosa dato che, a differenza del Leopard, essi erano privi di ogni guarnizione tra scafo e torretta. A ciò si ovviava effettuando il guado alla massima velocità sfruttando la minima capacità di galleggiamento del veicolo ed il suo abbrivio. Non sempre ciò era sufficiente e pertanto era necessario coordinare il movimento dei carri in modo tale da avere sempre e solo un mezzo (dei quattro che all'epoca formavano il plotone carri) nel punto più profondo del guado. Solo così si poteva garantire il pronto intervento degli altri veicoli in soccorso di quello che fosse disgraziatamente affondato.
Ricordo inoltre che per i guadi il Leopard, oltre alla citata guranizione, è dotato di un sistema idraulico che controlla le prese d'aria del motore, di due pompe per drenare l'acqua infiltratasi e di un condotto stagno da montare sulla cupola del capocarro per consentire il guado con veicolo totalmente immerso (quest'ultimo diapositivo non è mai stato impiegato sui veicoli italiani).

guado2.jpg (57971 byte)